Resta in contatto

Approfondimenti

Reggina-Frosinone: è uno 0-0 che vale

Gli amaranto pareggiano contro i ciociari, ma non è un passo falso

Frosinone-Reggina era una delle tante partite da tripla che la B propone. Una sfida che, in base al contesto generale, può essere considerata come livellata verso l’alto. Come, però. non di rado accade, anche una partita aperta può finire 0-0.  Anche se come nel caso del match del Granillo tra ciociari amaranto si è sviluppata una contesa in cui, da una parte e dall’altra, ci sono state occasioni che avrebbero potuto indirizzare il match o in un altro.

Il risultato ad occhiali, come si sarebbe definito una volta, premia entrambe le compagini in base a quello che è stato il loro percorso fino al momento.  Per entrambe equivale, infatti, al sesto risultato utile consecutivo e al mantenimento di un’imbattibilità che, in B, è sinonimo di quella quantità che si chi richiede come condizione necessaria per restare agganciati al treno delle migliori.  In una corsa che si decide poi a marzo.

Il risultato va bene anche alla Reggina, anche se si tratta di un pareggio casalingo.  Gli impegni ravvicinati, e in questo caso tre partite in una settimana, erano aspetti che avrebbero potuto premiare maggiormente i ciociari dotati di una generale struttura di squadra più brevilinea e dall’età media più bassa.

La squadra di Aglietti ha, invece, saputo gestire al meglio le fasi della gara in cui poteva andare in difficoltà, per poi provare a spingere nel momento in cui la maggiore brillantezza avversaria ha permesso di sviluppare il gioco. Anche grazie a qualche accorgimento tattico: dallo spostamento di Bellomo a sinistra o all’innesto di Laribi (positivo il suo impatto sulla gara).

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Altro da Approfondimenti