Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Approfondimenti

Reggina: godersi il momento e poi ripartire

Gli amaranto sono primi e lanciati, ma è inutile allungare lo sguardo all’orizzonte

Sì, la Reggina è prima in classifica. Lo è a pochi mesi di distanza d quando poteva finire tutto. Lo è con la migliore difesa ed il migliore attacco del campionato. Lo è con una squadra che non ha ancora espresso tutto il suo potenziale. E sì, adesso c’è la pausa del campionato.

L’occasione è ghiotta per tirare un po’ fiato dopo mesi e settimane in cui si è avuto paura che le cose potessero andare per il peggio e un mercato condotto a cento all’ora per recuperare il tempo perduto.

Questa settimana i ritmi, finalmente, potranno essere più blandi anche sotto il profilo delle emozioni. C’è da godersi l’aria salubre della vetta della classifica, senza chiedersi troppo quel che sarà o ciò che potrà accadere.

La squadra è forte, ma la B è strana. Questo campionato è pieno di squadre super attrezzate anche più degli amaranto, ma la B è strana anche quando si devono provare a sovvertire i pronostici. Ed è per questo che si può sognare sfruttando la leggerezza dei sogni, ma senza sprecare troppe energie nel delineare scenari che nessuno sa se potranno concretizzarsi. Ogni previsione è fiato sprecato.

Non lo è, invece, per la squadra ogni invito a restare con i piedi per terra, a continuare a lottare centimetro dopo centimetro e contro ogni avversario. Anche quando arriveranno confronti con squadre che, potenzialmente, potrebbero avere maggiori risorse tecniche.

Adesso c’è da godersi il momento, fino alla gara di Modena. Da lì in avanti si tornerà a spingere, con la tifoseria a rimorchio. E c’è da giurarci che al Braglia la Reggina giocherà praticamente in casa per affluenza di tifosi amaranto.

 

11 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

11 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Altro da Approfondimenti