Tifo Reggina
Sito appartenente al Network

“Ricordiamoci dove eravamo”, il pensiero che non deve togliere il sorriso ai tifosi della Reggina

Un ko che brucia, ma la realtà è migliore di quella si sperava nei sogni più belli dei momenti peggiori

D’accordo. Perdere in casa fa male. Farlo per 3-0 nella partita che poteva aprire la porta dei sogni, forse anche di più. Tuttavia, a Reggio Calabria non si deve perdere il sorriso. Il rischio à che un ko del genere possa alimentare malumori, fare emergere frustraizoni inutili e persino creare fazioni.

La Reggina è seconda in classifica. Con tre punti di vantaggio sulla terza. Occupa una posizione che non era programmata e può continuare a giocare un campionato d’alto profilo. Sembra davvero passato un secolo da quando si stavano aprendo le porte dell’Inferno. Quando si sarebbe pregato affinché ci fosse la possibilità di costruire una squadra di ragazzini che potesse prendere parte al campionato di Serie B.

La stretta attualità dice che che la Reggina ha una squadra forte e nulla gli è precluso. Anche dopo un ko come qullo del Granillo. C’è un progetto triennale e nulla vieta di sognare di bruciare le tappe. Tuttavia, il “ricordiamoci dove eravamo” deve tornare come un mantra nei momenti negativi. Dovrebbe essere un ritornello da ripetere quando le cose vanno male, in maniera tale che le negatività diventino linfa per ripartire.

Le critiche, le considerazioni e gli appunti ci stanno. Fanno parte del calcio, ma senza  togliere fiducia a Pippo Inzaghi e i suoi uomini. Loro di crediti ne hanno acquisiti abbastanza per il momento.

 

Subscribe
Notificami
guest

4 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Raffaele Gattuso
Raffaele Gattuso
1 anno fa

Condivido,la splendida vittoria di Brescia ha messo frenesia nel conquistare la vetta della classifica a tutti i costi,si poteva anche essere più razionali. Un pareggio sarebbe stato utile e lasciava tutto inalterato,cmq non è successo niente ci può stare,una partita nata male e finita peggio, grazie alla dirigenza ,allo staff tecnico e giocatori,ci stanno facendo sognare . Ci rifaremo a Como.
Forza Reggina…….

Agostino
Agostino
1 anno fa

Ricordiamoci dove eravamo si dice una volta, due poi diventa …caramella! Serve per mantenere basso il profilo…ma sentirla tre quattro volte al giorno, veni u duluri i testa!

Tex
Tex
1 anno fa
Reply to  Agostino

…è la realtà; accontentiamoci che, per quello che sarebbe potuto essere (oblio calcistico), ora siamo secondi in classifica, una ottima squadra e soprattutto una, seppur ancora giovanissima, eccellente struttura societaria. Questo tipo di mal di testa…lo sopportiamo molto volentieri, non credi.

Tex
Tex
1 anno fa

…SENZA DIMENTICARE CHE SIAMO LA SOCIETA’ IN ASSOLUTO PIU’ GIOVANE DELLA CADETTERIA E NON SOLO; STIAMO BRUCIANDO LE TAPPE, MA ANCORA NON SI PUO’ PRETENDERE IL TOP.

Articoli correlati

Non si presenta mister Trocini a fine gara a commentare l’amara sconfitta contro il Sant’Agata....

Barillà nelle ultime gare ha fatto soprattutto il regista...

Dal Network

L’incontro tra Maiello e Zola: una storia di perdono e riconciliazione. In una domenica che...

Nuova formula per la competizione che un tempo metteva di fronte la squadra che vinceva...

Protagonista con gli Azzurri che hanno sorpreso a Euro 2020 mancando poi la qualificazione ai...

Tifo Reggina