Resta in contatto

News

Sogni amaranto: Nino Barillà, la Reggina spera, il suo ritorno piace a tutti

Il centrocampista del Parma è un reggino doc, è cresciuto nella Reggina e anche lui fa parte della lista di “figliol prodighi” del patron Luca Gallo

Missiroli, Nicolas Viola e Barillà: il trio di colpi pensati dal patron della Reggina Luca Gallo comprende anche il duttile centrocampista nato nel quartiere Catona, oggi in forza al Parma.

Nino Barillà è il calciatore che non ha mai tagliato il cordone con la città natia. Torna spesso in riva allo Stretto quando gli impegni con il club ducale glielo permettono, in primis per questioni personali, poi perché il richiamo di Reggio è irresistibile. Lo sarà, eventualmente, anche in estate quando il patron Gallo lo vuole nella squadra che dovrà dare l’assalto alla serie A? Il numero uno amaranto non lo ha smentito.

Un calciatore che a Reggio ha giocato davvero in ogni posizione, da esterno difensivo, a terzino, a centrale di centrocampo, a mezz’ala e anche da trequartista. Dopo la lunga trafila nel settore giovanile amaranto, ha fatto il suo esordio in A e il suo primo gol in massima serie l’ha rifilata ad un certo Gigi Buffon.

Ha un contratto sino al giugno 2022 con il Parma, non è titolarissimo nello schieramento di D’Aversa, ma in milia lo stimano parecchio. Ha 31 anni ed è nel pieno della sua carriera. Potrebbe accettare una Reggina in B ma che punta alla serie A? Il richiamo del cuore è possibile, anche per lui, come per Missiroli, si tratta di una scelta di vita: certamente tornare a giocare in A con la maglia della sua Reggina sarebbe un privilegio unico e irripetibile.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Altro da News