Resta in contatto

Amarcord

Reggina, 13 maggio 1990: Paciocco stende la Triestina… di rabona (VIDEO)

Esattamente trent’anni fa la squadra amaranto di Bolchi batteva gli alabardati grazie ad una rete storica ed unica nel suo genere

Era il 13 maggio 1990 quando la Reggina di Bruno Bolchi si apprestava a sfidare la Triestina alla 35^giornata del campionato di Serie B 1989/90. Al Comunale di Reggio Calabria, davanti a 12.000 spettatori, gli amaranto di mister Bolchi sono in cerca di una vittoria per credere ancora al sogno Serie A e restare a ridosso delle prime delle classe, i friulani sono a caccia di punti per raggiungere la salvezza.

Botta e risposta nel primo tempo, dove i calabresi passano in vantaggio con Massimo Mariotto al 12′ e vengono raggiunti al 38′ grazie alla rete di Consagra. Le due squadre vanno poi negli spogliatoi con il risultato di parità e, nella ripresa, si equivalgono fino alla mezz’ora di essa.

Al minuto 75, Paciocco viene atterrato in area sugli sviluppi di un calcio di punizione e per l’arbitro non ci sono dubbi: è calcio di rigore. Sul dischetto si presenta lo stesso Paciocco, che prende la rincorsa come se volesse calciare di sinistro. Ma in panchina (e non solo) tutti hanno già capito la sua intenzione. L’arbitro fischia, l’attaccante amaranto si avventa sul pallone, il piede sinistro finisce al lato della sfera, il portiere rimane spiazzato dal movimento, che vede Paciocco calciare di destro, di rabona. Cinque secondi di incredulità, poi il boato.

E’ il gol che sancisce la vittoria della Reggina sulla Triestina. E’ una perla di rara bellezza di Ricardo Paciocco, un colpo ancora oggi unico. Una naturale follia…

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Altro da Amarcord