Resta in contatto

Amarcord

Reggina, 24 maggio 2003: tre punti al “Dall’Ara”, ma sarà ugualmente spareggio…

Esattamente diciassette anni fa la Reggina conquistava a Bologna una vittoria fondamentale in chiave salvezza

Ventiquattro maggio 2003. Campionato di Serie A 2002/03, 34esima (nonché ultima) giornata di campionato. Allo stadio “Renato Dall’Ara” si affrontano il Bologna di Guidolin e la Reggina di De Canio; i primi già salvi da una settimana, i secondi si giocano praticamente la salvezza.

Occhi specialmente al risultato che maturerà all’Olimpico di Roma, dove in contemporanea i giallorossi sfidano l’Atalanta, a pari punti con la Reggina (35) ed all’ultima casella ‘disponibile’ per le retrocessioni. Amaranto e atalantini si giocano tutto a distanza.

Fischio del direttore di gara e si comincia in un “Dall’Ara” con circa 20 mila spettatori, di cui la metà sono calabresi. La squadra dello Stretto parte bene e dopo tredici minuti passa in vantaggio. Diana dalla destra serve Cozza, il quale tiene il pallone in campo crossando di prima; a raccogliere il pallone in area c’è Bonazzoli, il quale calcia al volo in girata e trova la respinta del portiere Pagliuca, che però termina ancora tra i piedi dell’attaccante amaranto che come un flipper spedisce prontamente in rete e poi va ad esultare sotto il gremito settore ospiti.

Poco dopo i padroni di casa si vedono annullare la rete del pareggio. Punizione dalla destra, Paramatti insacca in rete di testa ma l’arbitro ferma tutto per un fallo in area di Cipriani, che scambia la testa di Franceschini per un pallone e colpisce il difensore dei calabresi.

Il primo tempo si chiude sullo 0-1, con una Reggina ben organizzata, concentrata e che tiene saldamente le redini del match. Al 67′, sugli sviluppi di un calcio d’angolo, arriva il gol della sicurezza per gli uomini di De Canio, grazie ad un colpo di testa di Di Michele in seguito ad un’uscita mal calibrata di Pagliuca, scavalcato dal pallone poi prontamente insaccato da ”Re David”.

Poco più tardi, Belardi dice doppiamente ‘no’ a Della Rocca con due grandi parate che permettono ai calabresi di mantenere la porta inviolata. La Reggina sbanca il “Dall’Ara” ma non basta per conquistare la salvezza, visto che l’Atalanta ha fatto lo stesso a Roma.

Tra le due compagini sarà spareggio…

BOLOGNA – REGGINA 0-2
BOLOGNA: Pagliuca; Zaccardo, Paramatti, Falcone (38’st Terzi), Smit; Nervo (1’st Frara), Amoroso, Colucci, Meghni; Cipriani (15’st Della Rocca), Signori. In panchina: Coppola, Vanoli, Olive, Bellucci. Allenatore: Guidolin.

REGGINA: Belardi; Jiranek, Vargas, Franceschini (38’st Rastelli); Diana, Paredes, Mozart, Cozza (30’st Morabito), Falsini; Di Michele, Bonazzoli (42’st Savoldi). In panchina: Lejsal, Bogdani, Nakamura, Veron. Allenatore: De Canio.

ARBITRO: Racalbuto di Gallarate

RETI: 13’pt Bonazzoli, 22’st Di Michele.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Altro da Amarcord