Resta in contatto

L'angolo dell'avversario

Reggina, focus sul Lecce di Corini: giallorossi a caccia della serie A con super Coda

La sfida tra i salentini e gli amaranto rischia di essere uno spartiacque per entrambe: ma forse è il Lecce a giocarsi la posta più alta

Dopo la gara contro l’Ascoli, la Reggina di Marco Baroni renderà visita ad un Lecce che sta mostrando un inatteso braccino corto per il salto in serie A

Con l’aiuto dei colleghi di CalcioLecce, abbiamo analizzato la formazione giallorossa, attuale seconda forza del campionato cadetto. Punti di forma, debolezze e il cammino dei grigiorossi a dodici giorni dallo scontro diretto in Calabria:

COME GIOCA

Immutabile quello che qualche anno è una sorta di marchio di fabbrica in casa salentina, il 4-3-1-2, che già ha caratterizzato la gestione Liverani e ora si sta ripetendo con quella Corini. Poche variazioni sul tema, nonostante una rosa abbastanza lunga.

IL RENDIMENTO

Girone di ritorno da prima della classe, con ben 31 punti all’attivo, poi la sconfitta casalinga contro la SPAL, dopo undici risultati utili di fila, sei vittorie consecutiva e una prova di forza schiacciante, hanno palesato problematiche che sembravano dimenticate. La sconfitta con il Cittadella ha acuito le difficoltà del team di Corini, costretto ora a respingere l’assalto di Monza e Salernitana per il secondo posto

IL PUNTO FORTE

Resta indubbiamente il reparto offensivo, che comunque sta beneficiando dell’ennesima stagione mostruosa di Massimo Coda. Nel girone di ritorno, Corini ha recuperato Pettinari, che contro la Reggina però marcherà visita, mentre ha scoperto il giovane Rodriguez, una delle rivelazioni del campionato di serie B

IL PUNTO DEBOLE

Ben quarantadue reti al passivo, nessuna come il Lecce tra le prime otto della classifica. Anche se i nomi sono di serie A, la retroguardia di Corini non ha mai trovato la quadratura del cerchio. L’obiettivo resta quello di andare in A a braccetto con l’Empoli, ma se dovessero essere playoff c’è certamente da registrare l’intera fase difensiva, che evidentemente palesa più di qualche lacuna: del resto i campionato si vincono sopratutto con una solida difesa

IL GIOCATORE DA TEMERE

Massimo Coda è il capocannoniere del campionato cadetto e quindi la difesa amaranto dovrà limitare il calciatore ex Benevento. Numeri pazzeschi per il bomber, che vuole prendersi lo scettro dei tiratori scelti della serie B 2020-2021. Una campionato nel campuionato quello di Coda e dell’empolese Mancuso, che vogliono duellare per il trono dei bomber nelle ultime tre della stagione regolare.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
Inline Feedbacks
View all comments
Paul
Paul
3 giorni fa

Grande attaccante

Advertisement
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News
Advertisement

Altro da L'angolo dell'avversario