Resta in contatto

Approfondimenti

Reggina, istruzioni per il mercato di gennaio: finito il tempo del “tutto e subito”

Si cercano giovani e si vuole dare un futuro al club

“È la fase 2 della presidenza Gallo. Sono stati tre anni di grandi investimenti, la Reggina è nell’élite della Serie B. Siamo una società solida e vogliamo dare un futuro a questa società. Un futuro che ci porti a tornare dove meritiamo di essere, cioè la massima serie”.

Sono le parole con cui Fabio De Lillo, general manager della Reggina,  ha voluto accompagnare le sue dichiarazioni relative alla strategia il mercato di gennaio.

Si cercano giovani, alcuni da valorizzare e possibilmente da rivendere.  L’obiettivo è creare valore e patrimonio per dare solidità al club. Il tutto senza dover rinunciare a nessuno dei protagonisti più esperti tra quelli che sono in rosa.

Finita, dunque, l’epoca dei contratti lunghi ad ultratrentenni e si vira verso altre direzioni con un cambio di rotta deciso. Una scelta che è figlia delle contingenze e da una situazione economica resa in generale più difficile dal Covid, ma che può essere salutata con favore rispetto alla possibilità di creare i presupposti per una società che non si regga solo sui sacrifici che fino ad ora ha fatto la proprietà.

Insomma quelle stesse parole con cui il presidente Gallo riteneva che la “programmazione” non fosse esattamente in cima alla sua volontà. Parole che, come lui stesso ha di recente dichiarato, servivano per dare spavalderia ad una piazza che era reduce da un momento difficile.  Tutto adesso  lascia il posto ad una gestione più oculata all’interno di un campionato come la B dove è più difficile confrontarsi con proprietà che, a parità di volontà di investire, hanno la possibilità di fare nettamente la voce più grossa.

 

4 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

4 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Altro da Approfondimenti