Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Approfondimenti

Reggina-Spal: l’episodio che poteva cambiare tutto sulla base dei precedenti, ma i rimpianti al Granillo crescono

I tre ko tra le mura amiche, in poco più di un girone, sono troppi

Quella con la Spal, per la Reggina, è stata la terza sconfitta in casa in dieci partite. Un po’ troppe per una squadra che, fino ad ora, ha condotto un campionato di vertice.

Andando, però, a osservare l’andamento tra le mura amiche, c’è un parametro che ricorre: se gli amaranto non la sbloccano, non vincono.

Nessuno sa come sarebbe andata la sfida con gli estensi qualora Alfonso non avrebbe prodotto un autentico miracolo su Fabbian nel primo tempo. La partita forse sarebbe diventata come quella contro il Palermo, benché non si può pensare che tutto vada sempre per il meglio sin dall’inizio.

Prova ulteriore deriva anche da un altro risultato: lo 0-0 con il Bari, match dove gli amaranto non sono mai riusciti a sfondare. Con il Benevento si è trattata dell’unica volta in cui la squadra di Pippo Inzaghi ha avuto un po’ il braccino, non premendo sull’acceleratore per dilagare e chiudere la contesa. Gli episodi poi, con un gol probabilmente irregolare subito, l’hanno penalizzata oltre modo.

La Reggina, finora, non ha praticamente mai perso una partita nettamente. Forse solo quella con il Frosinone, benché il risultato finale propiziato da un errore difensivo e da una prodezza di Insigne enfatizzino le proporzioni della distanza tra le due squadre nella singola partita.

Tuttavia, oggi la differenza tra le due squadre la fanno le evitabili sconfitte casalinghe contro Perugia e Spal. Gare dove gli amaranto hanno sprecato tutto lo sprecabile e si sono quasi fatti gol da soli. Questo, se non altro, offre il presupposto essenziale di avere margini che consentano di migliorare la proposta di gioco.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments

Altro da Approfondimenti