Tifo Reggina
Sito appartenente al Network

L’ex Reggina Missiroli: “La squadra di Toscano è solida”

Le parole dell’ex attaccante amaranto ai microfoni alla Gazzetta del Sud

Simone Missiroli, centrocampista della Spal, è un ex calciatore della Reggina; ha indossato la maglia amaranto dal 2009 al 2012. Ha promosso la sua ex squadra rilasciando le seguenti dichiarazioni a la Gazzetta del Sud:

Che opinione si è fatto della Reggina? “Squadra solida, merita il primato. Contro il Bari è andata a un passo dalla vittoria, ma il pareggio non inficia minimamente la prestazione fornita. Un plauso va a Mimmo Toscano, valore aggiunto di un gruppo fantastico. Ho apprezzato la passione del pubblico. C’erano più di sedici mila spettatori, è tornato l’entusiasmo di una volta grazie al presidente Gallo”.

Quali difficoltà la capolista potrebbe incontrare a Vibo? “Un derby è sempre una gara particolare. Favoriti gli amaranto, anche se i rossoblù hanno le potenzialità per mettere in difficoltà chiunque. Le insidie sono sempre dietro l’angolo. Il girone C è molto complicato, forse più difficile rispetto agli altri due raggruppamenti. Se la Reggina dovesse ripetere la stessa prestazione di domenica credo che riuscirà a conquistare la vittoria”.

I giocatori che maggiormente l’hanno impressionata… “Denis e Reginaldo. Nonostante l’età non più verde, sono ancora decisivi. Splendido il colpo di testa in avvitamento con il quale German ha sbloccato il risultato contro il Bari. Conosco bene De Rose per averci giocato assieme in maglia amaranto”.

I punti di vantaggio sulle seconde rappresentano un buon margine di sicurezza? “Il vantaggio si è ridotto, ma sei lunghezze sull’accoppiata Bari-Ternana non sono poche.. Reggina ancora padrona del proprio destino. Meglio stare davanti che essere costretti a inseguire”.

Ha mantenuto i contatti con l’altro figlio del Sant’Agata, Nino Barillà? “Di frequente. E’ uno dei punti di forza del Parma. Parliamo spesso della nostra Reggina”.

Un giorno tornerete a indossare la gloriosa casacca di casa? “Per il momento mi trovo benissimo a Ferrara e intendo rispettare il contratto. Auguro alla società guidata dal presidente Gallo di riportare Reggio nuovamente al calcio che conta. Nella vita mai dire mai, se dovessero esserci i presupposti perché no. Il primo amore non si scorda mai”.

Riportiamo indietro la macchina del tempo. Come è arrivato Missiroli alla Reggina? “Giocavo nel Centro Reggio Junior e feci un provino. Mi presero e lì ho iniziato il mio percorso. Ringrazio mio padre che, in un certo senso, mi ha spinto a diventare calciatore e mi ha insegnato i valori della vita, come del resto ha fatto mia madre”.

L’ultima volta in Calabria? “La scorsa estate, mi piacerebbe tornare più spesso”.

Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Martedì è arrivata la decisione del giudice sportivo su Rosseti...
Il momento negativo della squadra amaranto aveva fatto credere che la posizione del tecnico potesse...
Solo l'Inter ha segnato più dei romagnoli fino a questo momento della stagione ...

Dal Network

L’incontro tra Maiello e Zola: una storia di perdono e riconciliazione. In una domenica che...

Nuova formula per la competizione che un tempo metteva di fronte la squadra che vinceva...

Protagonista con gli Azzurri che hanno sorpreso a Euro 2020 mancando poi la qualificazione ai...

Tifo Reggina