Tifo Reggina
Sito appartenente al Network

Reggina, Bresciani: ”Reggio piazza impressionante, Curva Sud da brividi”

Il calciatore amaranto, ai box da qualche mese a causa di un infortunio, ha toccato tanti argomenti parlando ai canali ufficiali del club

Attraverso una diretta Instagram, l’esterno amaranto Nicolas Bresciani ha parlato ai canali ufficiali del club, rispondendo alle domande dei tifosi.

Il momento attuale – ”Mi trovo nel mio paese in Toscana, a Filattiera, non a Reggio. La quarantena la sto trascorrendo facendo dei lavoretti a casa ed allenandomi. Procede tutto bene, ho recuperato dal mio infortunio ed ho iniziato a fare gli allenamenti che ci ha dato il preparatore”.

La gavetta – ”Ho fatto il settore giovanile nella squadra del mio paese, poi la trafila di tutte le categorie fino ad arrivare in Serie C e questo dà ancora più forza quando si arriva in alto. Penso che sia più importante fare questo tipo di percorso rispetto a quello che si farebbe nella Primavera di una squadra professionistica. Ti forma di più, ti fa fare le ossa sin da subito perchè ci si confronta con gente più grande. Aver fatto questa trafila mi ha dato più forza”.

Reggio e la Reggina – ”A Reggio mi sono trovato molto bene, la città è bellissima e la piazza è impressionante. Io sono in prestito e tanto dipenderà dal Livorno, ma qualora ci fosse l’opportunità di restare accetterei volentieri. Mi sono trovato benissimo e spero di tornarci presto per tornare a giocare”.

Sui singoli – ”Da gente come Denis, Reginaldo e tutti gli altri che hanno giocato in categorie superiori si può solo imparare. Il compagno con cui ho legato di più? Ho un bel rapporto con tutti, siamo un bel gruppo. Forse De Francesco, ma anche Farroni, Rivas. Bellomo, Denis e Reginaldo i più forti con i quali ho giocato, si vede che hanno giocato in categorie superiori. Tra questi, però, è Bellomo che mi ha impressionato più di tutti. Bertoncini e Loiacono i difensori che mi hanno sorpreso di più. Rossi l’avevo già visto giocare, Marchi lo conoscevo già perchè ci ho giocato contro l’anno scorso”.

Sul ruolo – ”Sono partito in Promozione che facevo l’esterno alto nel 4-4-2, poi l’anno dopo in Eccellenza ho fatto la mezzala e l’anno dopo ancora, sempre in Eccellenza, ho fatto il terzino sinistro perchè ce n’era bisogno e da lì ho ricoperto sempre questo ruolo. A Livorno ho fato il terzino nella difesa a quattro, mentre sia l’anno scorso a Ravenna che quest’anno a Reggio ho fatto il quinto di centrocampo, ruolo che mi piace di più perchè ti dà maggiore possibilità di spingerti in avanti”.

”La mia miglior partita? Dico Terni per il mio primo gol in maglia amaranto”.

Sulla Curva Sud – ”La Curva sud è da brividi, la prima volta che sono sceso in campo al Granillo è stato da brividi. Quando il mister parlava non riuscivamo a sentire cosa diceva. La Reggina non merita di stare in Serie C sotto questo punto di vista”.

”L’avversario con cui mi sono trovato più in difficoltà? Non saprei, dico Rolando in allenamento (ride, ndr). A volte devo dirgli di andare piano altrimenti non riesco a prenderlo”. 

Sull’esperienza a Ravenna – ”Ravenna è stata un’esperienza bellissima, è stato il mio primo anno intero che facevo da professionista, ho trovato grande gruppo, eravamo come fratelli come quest’anno. Anche a livello di città, come Reggio, non ti fanno mancare niente”. 

Su Toscano – ”Me ne avevano parlato bene e infatti non posso dire diversamente. Mi ha insegnato tanto e mi insegnerà ancora di più, mi sto trovando molto bene con lui”.

”Il centrocampista più forte con cui abbia giocato? Dico Papa, l’anno scorso a Ravenna. Mi ha impressionato molto”.

Sulla decisione del presidente Gallo di pagare ugualmente gli stipendi – ”Un altro grande gesto del presidente che fa vedere la persona che è, tanto di cappello. Sono gesti che in Serie C se ne vedono pochissimi”.

”A chi mi ispiro? Mi piacciono molto Marcelo del Real Madrid e Robertson del Liverpool”.

Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
3 anni fa

Senza il corona virus, avresti visto 20.000 contro Avellino e 25.000 contro il Potenza in un delirio incredibile. Sabato ci sarebbe stata la “matematica” col Teramo…..mah pazienza.

Articoli correlati

Decide una rete di Bolzicco in chiusura di primo tempo...

Dal Network

Protagonista con gli Azzurri che hanno sorpreso a Euro 2020 mancando poi la qualificazione ai...

Ecco le dichiarazioni dell’allenatore bianconero Al termine della gara persa 1-0 al Granillo contro la...

Picchio beffato al fotofinish, un gol avrebbe cambiato le sorti della stagione Beffa per l’Ascoli:...

Tifo Reggina