Resta in contatto

News

Reggina, la B è vicina? Perché no: solo il “lodo-Galliani” potrebbe rimandare i verdetti

In caso di mancata ripartenza del campionato di serie C, avanza prepotente la possibilità del salto “a tavolino” del club amaranto tra i cadetti. Ecco i principali ostacoli a questo scenario

La Reggina attende, come detto l’ottimismo per il salto in B, seppur “d’ufficio”, è certamente ipotesi concreta. Ma, si chiedono i tifosi, c’è la possibilità che lo scenario disegnato dalla Lega Pro possa essere ribaltato e dunque la promozione in B quanto meno rinviato al verdetto del campo.

Paradossalmente, l’unico “rischio” in tal senso viene proprio dalla proposta lanciata a più riprese da uno dei più interessati alla questione promozioni tra i Cadetti, Adriano Galliani, ad del Monza capolista del girone A della terza serie. L’esperto dirigente ha proposto di attendere per decretare la fine del torneo di C e riprendere magari a settembre, concludendo così sul campo la stagione sportiva 2019-2020, giocando le restanti gare rinviate a causa dell’emergenza Covid-19: basare il calendario sportivo sull’anno solare e non più con l’attuale scadenzario.

Certamente, un’ipotesi che la Reggina potrebbe anche accettare, ma che implica numerose problematiche organizzative e di programmazione dell’eventuale torneo di B. Su questo aspetto, la Reggina 1914 srl non è mai espressa nelle varie comparsate nei “salotti casalinghi”, ma da via Osanna ci si trincerà dietro ad un generico “la nostra voglia sarebbe quella di tornare in campo“.

Ad oggi, l’idea di Galliani non ha trovato particolari sponde o appoggi e resta comunque da verificare se si tratta di una concreta possibilità o solo una lontana ipotesi.

 

 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Altro da News