Resta in contatto

Amarcord

Reggina, 23 maggio 2010: il Grosseto di Sarri rimonta gli amaranto tra le polemiche (VIDEO)

Esattamente dieci anni fa, allo ”Zecchini” andava in scena la sfida tra i locali e la squadra di Breda, una delle più discusse del campionato cadetto di allora

Ventitré maggio 2010. Campionato di Serie B 2009/10, 41^ giornata. Fresca della vittoria della settimana prima contro il Gallipoli, la Reggina di Roberto Breda (terzo ed ultimo allenatore della stagione dopo Novellino e Iaconi) fa tappa a Grosseto per l’appuntamento con la salvezza con una giornata d’anticipo. Ad attendere gli amaranto ci sono i toscani di Maurizio Sarri, alla ricerca di punti per tentare l’approdo ai play-off.

La gara inizia ma il primo tempo non regala particolari emozioni e si dimostra scialbo. Primo ed unico squillo dei primi 45′ per i padroni di casa con Esposito, al quale sono seguiti quelli amaranto di Valdez, Missiroli e Bonazzoli. Più Reggina che Grosseto nel primo tempo ma il risultato è ancora fermo sullo 0-0.

Nella ripresa la gara si sblocca. Dopo 15′ dall’inizio del secondo tempo i calabresi passano in vantaggio con il giovane Alessio Viola che, servito da una sponda di testa di Missiroli, si ritrova a tu per tu con il portiere Acerbis e lo batte. Passano cinque minuti e arriva anche il raddoppio, questa volta firmato Luca Vigiani, che da pochi passi manda in rete un cross rasoterra di Barillà trasformandolo nel gol dello 0-2.

Subito dopo Sarri si gioca la carta dell’ex Joelson, che dopo 120 secondi timbra il cartellino accorciando le distanze. Cross dalla destra e colpo di testa spizzato del brasiliano che batte Pietro Marino e rimette i giochi in discussione. La gara si incanala verso il novantesimo e nei pressi di esso la Reggina recrimina un rigore per una spinta in area su Tedesco, non fischiato dall’arbitro Gava. Lo stesso, poco più tardi, al 94′, fischia però un penalty in favore dei padroni di casa per un contatto tra Job e gli amaranto Cascione e Barreto (episodio che fece scaturire molte polemiche). Sul dischetto si presenta Consonni dopo il ‘rifiuto’ di Carobbio. Marino spiazzato, 2-2, triplice fischio ed appuntamento con la salvezza rinviato di una settimana per i calabresi, che sette giorni dopo ospiteranno l’Albinoleffe al ”Granillo”.

*La partita, qualche anno dopo, finì sotto indagine per calcio scommesse.


(clicca su ‘Guardalo adesso’)

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Altro da Amarcord