Resta in contatto

Approfondimenti

Reggina, Baroni: “Non permetterò a nessuno di abbassare la guardia”

Ormai prossima alla matematica salvezza, la squadra amaranto non dovrà rilassarsi ma continuare a lottare

Che a Marco Baroni non piaccia parlare di play-off è ormai assodato, il tecnico fiorentino preferisce guardare di gara in gara e inseguire prima di ogni cosa la salvezza. Ma, intervenuto telefonicamente a RegginaTv, si sbilancia un po’ di più lasciando intuire che non intenderà affatto tirare i remi in barca a salvezza ottenuta “Quando sono arrivato ho cercato di trasmettere ai ragazzi fiducia, rispetto ma mai paura verso nessuno. Sarebbe un errore – afferma – rilassarsi dopo aver raggiunto l’obiettivo. In questo periodo ci sono spesso giocatori che cominciano a pensare al futuro o alle gratificazioni personali. Io questo non glielo permetto, dobbiamo rimanere con la testa sul lavoro da fare che è l’unico modo per arrivare alle prestazioni, e sono poi le prestazioni a portare i risultati”.

Quando gli si chiede direttamente dei play-off, risponde: “Io vivo di sogni, senza sogni si è morti. Questo però non vuol dire perdere il senso della realtà. Per dare corpo ai sogni ci vuole l’azione e noi dobbiamo stare concentrati sull’azione, ossia sul lavoro. Dobbiamo affrontare partita dopo partita senza fare programmi né calcoli. Manca ancora qualche punto per la matematica salvezza che è il nostro primo obiettivo, poi vedremo. È il lavoro che conduce a fare bene e quindi non dobbiamo perderlo di vista, non dobbiamo perdere l’umiltà e la forza di quello che stiamo facendo.”

Baroni annuncia poi il pieno recupero di Folorunsho: “Sta bene, è completamente recuperato. C’è da recuperarlo ora dal punto di vista fisico e mentale ma è completamente recuperato per domenica, vedremo poi se dall’inizio o in corso. Quanto, invece, a Kingsley i suoi tempi di recupero sono abbastanza lunghi, ha una lesione di secondo grado e il ragazzo è ancora fermo. Petrelli, infine, è tornato in gruppo. Aveva avuto la febbre ma ieri e oggi si è allenato con noi. Per lui è stato dall’inizio un problema di condizione, prima la caviglia, poi la febbre, ma adesso è disponibile.”

Infine, un commento sulla prova da trequartista di Edera: “Simone è un ragazzo che sta crescendo, ha bisogno di partite e continuità, sta trovando la sua dimensione. A me non è spiaciuto nella zona centrale perché può andare al tiro e lui ha un tiro forte e pericoloso. Ancora non ha un’ottima lettura nei tempi di tiro e giocata, però ha riempito la partita di corsa, ha attaccato la profondità. Soprattutto con un compagno come Adriano che lavora un po’ come pivot, può essere una soluzione.”

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News
Advertisement

Altro da Approfondimenti