Resta in contatto

Pagelle

Edera e Denis sono micidiali, Nicolas insuperabile. Reggina bella e vincente contro il Vicenza

Prova impeccabile degli amaranto condizionata dall’uno-due in avvio gara

Primo gol in amaranto per Simone Edera, quarto per Denis che si conferma una sentenza quando subentra, interventi che valgono quanto un gol per Nicolas che respinge anche il rigore di Giacomelli, assist come se piovessero per Di Chiara, chiusure da applausi per Stavropoulos. Loro i migliori in campo nella sfida casalinga contro il Vicenza decisa già nel primo tempo.

Nicolas 8: qualche presa alta e qualche intervento tranquillo nel primo tempo, poi nella ripresa le cose cambiano. Chiude lo specchio della porta in almeno un paio di circostanze da distanza ravvicinata e soprattutto respinge il rigore di Giacomelli.

Lakicevic 6: reattivo e sempre pronto a mettere la gamba in ogni contrasto. L’inerzia della gara, subito in discesa per gli amaranto, lo porta a spingere meno del previsto ma in fase difensiva concede poco agli avversari. Poi si macchia del fallo di mano che vale il rigore per il Vicenza e che gli costa un giallo pesante, già diffidato salterà la gara contro la Reggiana.

Stavropoulos 7: per la prima volta in stagione è lui a guidare la difesa, orfana di Cionek e Loiacono lasciati in panchina. Lo fa senza grosse sbavature in una gara in cui il Vicenza solo nella ripresa riesce ad affacciarsi dalle parti di Nicolas. L’intervento in scivolata su Longo vale quanto un gol.

Dalle Mura 6,5: buona la prova del numero 32 che gioca con personalità intervenendo spesso in anticipo sugli avversari e non risparmiandosi negli scontri fisici. Un po’ in affanno nel secondo tempo quando il Vicenza pressa parecchio e crea densità in area amaranto.

Di Chiara 7: due assist nel giro di due minuti. Prima pennella il corner sul quale arriva l’autogol di Valentini, poi trova l’imbucata giusta per Edera che fa 2-0. Ci riprova anche con Folorunsho nella ripresa con minore fortuna. Dal 78’ Liotti sv

Bianchi 6.5: la sua è soprattutto una gara fatta di contrasti e palloni recuperati. Meno propositivo del solito in fase offensiva, ma attento e puntuale nei recuperi. Dal 78’ Crimi sv

Crisetig 6,5: non regala giocate appariscenti e strappa applausi ma il suo lavoro sotto traccia è quello che permette alla Reggina di essere ormai da mesi una delle squadre da battere di questo torneo.

Bellomo 5,5: prima a destra, poi a sinistra, entra poco nel vivo della manovra. Gli manca il guizzo per mettere i compagni davanti alla porta o per trovarcisi lui stesso. Dal 55’ Folorunsho 6,5 non arriva per un soffio su un pallone messo in mezzo da Di Chiara, si produce in un paio di strappi dei suoi e dà una mano anche in fase difensiva. È tornato.

Edera 7,5: realizza il suo primo gol con la maglia amaranto infilando in rete un sinistro angolatissimo su imbeccata per vie centrali di Di Chiara. Ogni tanto si perde in un possesso prolungato del pallone ma ha le qualità per trascinare la Reggina. Dal 69’ Menez 6 pochi i palloni giocabili che passano dalle sue parti. Non trova la giocata giusta né lo spunto per creare la superiorità.

Situm 6: parte a sinistra poi viene dirottato a destra. La sua è una prova di grande sostanza, tanta corsa ma manca nell’ultimo passaggio. Cala nella ripresa.

Montalto 6: gli manca il gol e il peso di questa mancanza comincia a sentirsi, ma la sua prova è comunque positiva dal punto di vista dell’impegno. Decisivo il suo intervento sul corner di Chiara sul quale arriva poi la deviazione di Valentini. Dal 55’ Denis 7 è una sentenza. Come successo conto il Chievo entro e segna, questa volta approfittando di un regalo della difesa ospite.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News
Advertisement

Altro da Pagelle