Resta in contatto

Approfondimenti

Reggina, che fine ha fatto la difesa impenetrabile delle scorse settimane?

Numeri impietosi per gli amaranto in quanto a gol incassati nelle ultime 3 gare

Nove nelle prime dodici gare, otto nelle ultime tre. Cosa succede alla retroguardia della Reggina? Come è possibile esser passati da una difensa impenetrabile e sempre puntuale e precisa ad una che, invece, sembra non azzeccare più un movimento?

I numeri parlano chiaro e testimoniano una netta ed inspiegabile inversione di tendenza della squadra amaranto nelle ultime tre gare. Fino alla dodicesima giornata, infatti, la compagine di Aglietti aveva subito appena 9 gol e deteneva lo scettro di miglior difesa del torneo.

Nelle ultime tre uscite, contro Cremonese, Benevento e Ascoli, Turati è stato, al contrario, costretto a raccogliere ben 8 palloni in fondo al sacco. Si è passati da una media di 0,75 gol incassati a partita ad una di 2,6.

Come spiegare questo improvviso e fragoroso calo? Gli interpreti nel reparto arretrato sono quasi sempre gli stessi con Turati che ha preso il posto a Micai con merito e gli inamovibili Cionek e Di Chiara sempre presenti, salvo squalifiche. L’alternanza a destra tra Loiacono e Lakicevic e quella al centro tra Regini e Stavropoulos è ormai una costante.

E allora cosa ha fatto la differenza in queste ultime tre gare? Forse qualcuno ha bisogno di tirare un po’ il fiato? Forse il problema riguarda centrocampo e attacco che non offrono la giusta copertura?

Le domande sono tante, le risposte dovrà trovarle Aglietti e anche in tempi stretti perché sabato si va a Lecce…

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Altro da Approfondimenti