Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Approfondimenti

Reggina: qualcuno ha dimenticato come va la Serie B?

Non è un bel momento in casa amaranto, ma non c’è da vedere tutto nero

La Reggina delle prime sei partite aveva forse illuso che per gli amaranto questa stagione potesse essere una specie di passeggiata di salute. Non lo sarà, perché è uno dei campionati più competitivi di sempre e sopratutto perchè gli amaranto non sono certo una tra le prime tre-quattro squadre per organico. Senza dimenticare che la formazione di Inzaghi non ha alcun obiettivo di promozione immediata, inteso come necessità di vincere il campionato.

Chiarito questo aspetto, è bene ricordare che il campionato cadetto sovente riserva sorprese come quelle che hanno interessato gli amaranto nell’ultimo mese. Perdere due voltre contro chi occupa i bassifondi della graduatoria sarebbe anomalo, ma non in Serie B.

La buona notizia è che la Reggina ha ceduto sempre costruendo più dell’avversario e più per suoi demeriti che per impegni bucati dal punto di vista tecnico.  Ci sono errori chiari, a volte netti e individuali, su cui si può lavorare e forse diventa più facile trovare la strada per uscire dal momento nero (meglio dire grigio). Peggio sarebbe stato non avere identità di gioco, calciatori di qualità o segnali di luce spenta.

Serve, però, uscire da quella che sembra una spirale negativa. In Serie B tutti attraversano momenti negativi. Quello che fa la differenza sono  i tempi ed il modo in cui se ne esce. Per gli uomini di Inzaghi questa fase della stagione è già un banco di prova significativo.

 

3 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

3 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Altro da Approfondimenti