Tifo Reggina
Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

Reggina, l’intervento di Saladini: “Con il Frosinone incidente di percorso, orgoglioso dei ragazzi”

Le dichiarazioni del patron dopo la sconfitta casalinga contro la capolista Frosinone

Felice Saladini, patron della Reggina, è intervenuto nel post-gara della partita contro il Frosinone e ha cercato di vedere i lati positivi del momento della squadra:

Siamo contenti di quello che stiamo facendo, abbiamo assemblato una squadra importante. Sono felice per la presenza del pubblico, onore al Frosinone per la vittoria, dobbiamo ripartire da qui e avere la testa alla prossima partita. Sono super orgoglioso di quello che sta dimostrando la città di Reggio. Abbiamo un gruppo di ragazzi straordinari, dobbiamo proseguire nel lavoro. Gli incidenti di percorso ci possono stare, pensiamo alla prossima. Sono super orgoglioso dei miei ragazzi e di quello che sta costruendo Inzaghi“.

Sul mercato: “E’ ancora presto per parlarne, faremo le opportune valutazioni al momento opportuno. Io come imprenditore devono correggere le problematiche economiche del passato e far splendere il club

Subscribe
Notificami
guest

2 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Vincenzo
Vincenzo
1 anno fa

Ha ragione il presidente Saladini, teniamo i nervi saldi e non perdiamo la testa provando a riportare tutto nelle giuste dimensioni attraverso l’ausilio di un “saggio” che si è dimostrato sempre imparziale e oggettivo: i numeri.

E se facciamo passare attraverso la lente di ingrandimento di questo saggio imparziale ed oggettivo il risultato di Reggina -. Frosinone non possiamo che trarne una sola considerazione, si tratta di un risultato numericamente bugiardo viziato da due episodi straordinari capitati nella stessa gara: l’infortunio dell’ottimo Camporese (che purtroppo nell’arco di un intero campionato ci può stare) e l’eurogol di Insigne che avesse mostrato la stessa facilità realizzativa anche per le occasioni più semplici, oggi nella classifica marcatori non starebbe a quota 3 ma a quota 15.

E che l’eurogol di Insisgne sia stato frutto di un episodio straordinario ce lo dicono ancora una volta i numeri visto che Insigne non è mai, nell’arco di un intero campionato, andato in doppia cifra, neanche nell’anno – il 19-20 – dei record del Benevento (8 reti in 35 partite e addirittura solo 2 in 30 partite l’anno dopo).

E a dirci che si sia trattato di una giornata storta frutto di episodi straordinari ce lo dice perfino l’ultima rete del polacco Szyminski che tranne che al Granillo sotto sortilegio non segna neanche se lo supplicano a farlo (il suo score, prima del Granillo, era di 6 reti in 209 gare, inferiore allo 0,03 a partita !).

Ragionando a mente fredda dovrebbe, ovviamente, essere chiaro a tutti che se l’unico termine di paragone numerico fosse lo 0-3 di Reggina Frosinone quella squadra che da prima vince nettamente in casa della seconda avrebbe vinto (in qualunque campionato di qualunque Paese) ancora più nettamente in casa della nona, della tredicesima e della diciassettesima (da 4-0 in poi) e figurarsi in casa (da 5-0 in poi) ed oggi starebbe a punteggio pieno ed invece quella stessa squadra che ha passeggiato al Granillo appena la settimana prima, con il Sudtirol, aggancia il pareggio solo all’ultimo giro di lancette (al 95esimo) mentre come sappiamo la nostra Reggina con la stessa squadra, appunto il Sudtirol, ha vinto 4-0.

E non ci sarebbe storia se chiedessimo al Sudtirol chi, tra Frosinone e Reggina, li abbia messi più in difficoltà: la squadra che li ha raggiunti solo al 95esimo o la squadra che li ha sommersi di gol (quattro quelli della Reggina, zero quelli del Sudtirol).

Ecco perché per stabilire i valori di due squadre non bisogna soffermarsi sui singoli 90 minuti, ma sulla somma di tutti i 90 minuti dell’arco di un campionato che poi effettivamente stabiliranno, almeno sui numeri quale sia la squadra più forte; del resto si va in “A” o si resta in “B” o peggio si va in “C” solo a giudizio insindacabile dei numeri).

E quei singoli 90 minuti, la cui somma complessiva poi decide i giochi, non hanno emesso la stessa sentenza emessa dal Granillo il giorno dell’Immacolata: per esempio il Frosinone ha vinto con il Cosenza per 2-1 e la Reggina per 3-0 (quindi è più forte la Reggina).

Ragionando, appunto, a mente fredda non appena il termine di paragone cambia, i valori finali vengono rimessi nuovamente in discussione: con la Reggina che vince nettamente con il Palermo (3-0) alla quarta giornata e il Frosinone che due settimane appena dopo, con la stessa squadra, il Palermo appunto prevale solo di misura (1-0 che il Palermo, tra l’altro, si era fatto da solo: un autogol) oppure alla quinta con il Cittadella che mette sotto il Frosinone e già sette giorni dopo (quindi non tre mesi dopo), la stessa squadra che aveva nesso sotto il Frosinone, appunto il Cittadella, viene sommersa di gol al Granillo (3-0 !).

E perfino restando sulla stessa partita (Reggina – Frosinone giusto perché vogliamo farci male fino in fondo) fino all’infortunio di Camporese era la Reggina a tenere il bandolo della matassa, magari sterilmente e creando poche occasioni, ma permanendo comunque stabilmente nella metà campo del Frosinone: Reggina che alla fine ha vinto anche su numeri che purtroppo non fanno classifica (quella la fanno i gol anche quelli scaturiti da un infortunio del difensore o dall’eurogol che ti sogni da sempre che poi non realizzi mai) ma che dovrebbero aiutarci a riportare i dati della disfatta nella giusta dimensione: 52% il possesso palla contro 48 del Frosinone, 322 i passaggi riusciti della Reggina contro i 279 (54% contro 46%) del Frosinone; 44 gli attacchi cosiddetti pericolosi (potenzialmente propiziatori di rete) della Reggina e 33 quelli del Frosinone (57% contro 43%).

Insomma può capitare di cadere, a maggior ragione se si tratta di caduta propiziata da due eventi straordinari capitati nella stessa gara, l’importante è rialzarsi con la consapevolezza che in 38 gare può capitare una giornata dove tutto ti va storto (vedi anche Reggina – Perugia).

Riportata Reggina-Frosinone nella giusta dimensione (a mio avviso se la Reggina la rigiocasse altre dieci volte non perderebbe mai per 0-3) andiamo a vedere a quella somma di 90 minuti che ci ha dato tante soddisfazioni e che ci vede saldamente al secondo posto (noi andremo a Como e vediamo con quanti gol di scarto vincerà il Frosinone con il Pisa: se ha vinto in casa della seconda per 3-0 dovrebbe vincere in casa propria contro l’ottava almeno con cinque gol di scarto) con 29 punti dopo sedici giornate, media punti 1,81, cioè (attenzione!) media promozione diretta !

1,81 di media che proiettata nell’arco di 38 partite fa 69 punti finali, più che sufficienti per guadagnare agevolmente la promozione diretta.

Infatti, nel campionato appena trascorso vinto dal Lecce di punti ne sarebbero bastati poco meno (68) considerando che il Pisa, terzo, aveva chiuso a 67 punti; la squadra poi promossa come seconda, la Cremonese, alla sedicesima giornata aveva collezionato 26 punti (tre in meno della Reggina, media punti 1,62 punti (-0,19 rispetto alla Reggina).

Nel 2020-21 ne sarebbero bastati 65 visto che sempre il Monza, terzo, aveva chiuso a 64 punti; la squadra poi promossa come seconda, la Salernitana, alla sedicesima giornata aveva collezionato 31 punti (due in più della Reggina, media punti 1,93 punti (0,12 in più rispetto alla Reggina).

Nel 2019-20 ne sarebbero bastati solo 62 visto che lo Spezia terzo aveva chiuso a 61 punti; la squadra poi promossa come seconda, il Crotone, alla sedicesima giornata aveva collezionato 23 punti (sei in meno rispetto alla Reggina, media punti 1,44 punti (- 0,37 in meno rispetto alla Reggina).

Nel 2018-19 ne sarebbero bastati solo 61 visto che il Benevento terzo aveva chiuso a 60 punti, la squadra poi promossa come seconda, il Lecce, alla sedicesima giornata aveva collezionato 26 punti (tre in meno della Reggina, media punti 1,62 punti (-0,19 rispetto alla Reggina).

I numeri ci danno tutte le ragioni per guardare al futuro amaranto con sano ottimismo. Forza Reggina !!!

Renato
Renato
1 anno fa

Abbiamo un grandissimo presidente. Il resto ho qualche dubbio

Articoli correlati

Fanno parte della lista anche i giocatori non al top a causa di un virus...
Diversi dubbi per il tecnico in vista del derby tutto reggino, tanti i gicoatori in...
Da qualche settimana Trocini ha entrambi gli attaccanti a disposizione...

Dal Network

La squadra è ormai ad un livello che le consente di vincere praticamente tutte le...

L’incontro tra Maiello e Zola: una storia di perdono e riconciliazione. In una domenica che...

Nuova formula per la competizione che un tempo metteva di fronte la squadra che vinceva...

Altre notizie

Tifo Reggina