Tifo Reggina
Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

Le nuove regole FIGC sulle crisi d’impresa: criteri stringenti per l’iscrizione ai campionati

La Federcalcio ha messo una toppa a futuri casi-Reggina e Sampdoria

La FIGC ha pubblicato  le novità normative rimodulate in relazione ai criteri legali ed economico-finanziari, tenendo conto degli istituti di regolazione della crisi o dell’insolvenza previsti dal D.Lgs. n. 14 del 12 gennaio 2019, come ad esempio il Codice di Crisi d’Impresa al quale ha avuto accesso la stessa Reggina di Saladini, oltre a quello della composizione negoziata al quale ha avuto accesso la Sampdoria.

In particolare, la FIGC ha introdotto una serie di novità degli articoli 16, 52, 85 e 90 delle NOIF.

Il nuovo art. 16 prevede i nuovi commi 6-bis e –ter, che sostanzialmente introducono la revoca dell’affiliazione alla FIGC di società che abbiano adottato le procedure del codice della crisi d’impresa con finalità liquidatorie o che presuppongano procedure in continuità aziendale indiretta e quindi che comportino l’esercizio dell’impresa, in qualsiasi forma, da parte di soggetto diverso dal debitore.

L’articolo 85 prevede una nuova Lettera E), che recita:

In caso di ricorso agli istituti di regolazione della crisi o dell’insolvenza previsti al D.Lgs. n. 14 del 12 gennaio 2019 che presuppongano procedure in continuità aziendale diretta, le società devono depositare la domanda di accesso alla procedura unitamente ad un piano economico-finanziario, asseverato da un soggetto abilitato, da cui risulti la capacità delle società di operare quali entità in funzionamento almeno sino al termine della stagione sportiva in corso. Le suddette società continueranno ad essere onerate di tutti gli adempimenti relativi al Campionato di competenza, prescritti dalle precedenti lettere A), B), C) o D), fatto salvo, per l’assolvimento dei debiti, il caso in cui, in esito alla omologazione della competente Autorità Giudiziaria o con equivalente provvedimento divenuto definitivo, siano stabiliti esplicitamente effetti di esdebitazione“. Dunque, qualora in un futuro un club voglia utilizzare lo strumento della ristrutturazione del debito, dovrà dimostrare di avere capacità economiche per portare a termine la stagione sportiva.

L’articolo 90 NOIF, comma 4 bis), quest’ultima introdotta dalla FIGC:

4 bis. Il provvedimento di cui al comma precedente si applica anche nel caso in cui le società abbiano presentato domanda di accesso agli istituti di regolazione della crisi o dell’insolvenza previsti al D.lgs. n. 14 del 12 gennaio 2019 che presuppongano procedure in continuità aziendale diretta. Il provvedimento di non ammissione ad operazioni di acquisizione del diritto alle prestazioni dei calciatori permane sino al termine della seconda sessione di mercato successiva all’intervenuta omologazione della competente Autorità Giudiziaria o ad equivalente provvedimento divenuto definitivo, in cui siano stabiliti esplicitamente effetti di esdebitazione.

Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Bruno Trocini continua ad avere ampia scelta, ma aspetta di ritrovare due calciatori importanti...
La formazione amaranto è quasi già sicura del quarto posto...
Il portiere spagnolo gioca titolare da qualche settimana, da quando è stata messa in archivio...

Dal Network

La squadra è ormai ad un livello che le consente di vincere praticamente tutte le...

L’incontro tra Maiello e Zola: una storia di perdono e riconciliazione. In una domenica che...

Nuova formula per la competizione che un tempo metteva di fronte la squadra che vinceva...

Altre notizie

Tifo Reggina