Resta in contatto

Esclusive

Pochesci: “La Ternana ha un solo risultato, per la Reggina può essere l’ultimo atto”

L’analisi del prossimo big match affidata all’ex tecnico delle Fere

Sandro Pochesci è stato il primo allenatore dell’era Bandecchi sulla panchina della Ternana, un’avventura in serie cadetta durata sei mesi prima dell’esonero di fine gennaio 2018. Al Granillo ha già affrontato la Reggina quando sedeva sulle panchine di Fondi e Casertana, oggi ai microfoni di TifoReggina.it analizza il prossimo big match di lunedì tra gli amaranto e le Fere.

Mister, al Granillo la sfida tra Reggina e Bari. Che partita si aspetta?
“Mi aspetto una partita bella, da vivere. Due squadre che vogliono vincere il campionato e difficilmente sarà una bella gara come sempre in questi scontri diretti. E’ troppo importante il risultato, forse decisivo per la Ternana ma non per la Reggina. Le Fere hanno un solo risultato, in questo scontro diretto però potrebbe vincere il Bari. Anche i pugliesi hanno un match difficile contro il Monopoli. Se il Bari non vince dà più tranquillità alla Reggina, mentre per la Ternana è meglio che vinca lo stesso Bari mettendo così pressione agli amaranto”.

La Reggina a gennaio ha piazzato tre colpi, la Ternana ha messo dentro soltanto Verna. Come giudica il loro mercato?
“La Reggina si è mossa molto bene. La Ternana non aveva bisogno di grandi rinforzi, forse doveva prendere qualche giocatore in difesa ma ha una grandissima rosa. Il Bari però si è mosso meglio”.

Quanto è difficile per gli amaranto gestire sei punti di vantaggio?
“Nella sciagura la Reggina è stata anche sfortunata dopo la partita con la Cavese, ha sofferto nelle partite successive ed ha vinto soffrendo contro la Vibonese. Adesso è l’ultimo atto, se passa questo scontro diretto non ne ha più e tra tre domeniche c’è Ternana-Bari”.

Si affrontano anche due personaggi come Gallo e Bandecchi?
“Sono due mosche bianche in questo mondo, sono due passionali e che si stanno innamorando del calcio. Hanno conosciuto questo mondo, gli sta piacendo ed hanno investito molto. Sono due persone schiette e che non sanno perdere, hanno molte cose in comune”.

Che ricordo si porta dietro di Terni?
“Terni è il ricordo più bello che ho del calcio. Sono stato amato dalla gente che veniva allo stadio, Terni è come Reggio che vivono per il calcio e la gente merita la Serie A. La Ternana è l’amore che tu hai cercato, trovato ma che per tante cose poi viene meno. Tutto questo è dipeso da chi decideva, hanno chiuso una grande occasione che stavo vivendo facendo anche bene. Avevamo perso solamente sette volte, il Pordenone per esempio quest’anno ha perso sette volte ed è secondo in classifica. Maledetti quei tredici pareggi, questo fa male. Terni però è stato qualcosa di bello”.

Eppure quella Ternana giocava anche bene al calcio.
“Giocare bene al calcio per i presidenti non conta. Sono entrato nel cuore dei ternani, il pubblico non mi ha mai contestato allo stadio. Per me è stato un grande onore, poi hanno perso gli altri ovvero chi ha fatto le scelte infatti sono retrocessi. Adesso mi auguro che la Ternana posso andare in Serie B”.

Chiudiamo con un pronostico per questo big match.
“Vince la Ternana, non me ne vogliano a Reggio ma tifo per la Ternana”.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Il cabarettista è tornato… 😂😂😂

Advertisement
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News
Advertisement

Altro da Esclusive