Resta in contatto

Pagelle

Reggina, buona prova per Nicolas e Rivas ma dietro le cose non vanno come dovrebbero

Amaranto meno spumeggiante del solito, diversi giocatori sotto la sufficienza

Non è stata certo la miglior Reggina della stagione quella vista al Granillo contro l’Ascoli. Tanti errori e troppe indecisioni in una gara che poteva spianare la strada verso i play-off. Buone cose le fa vedere Rivas e soprattutto Nicolas, ma la difesa amaranto balla come non mai.

Nicolas 7: se la Reggina ha cambiato marcia da dicembre il merito è anche e forse soprattutto suo. Anche contro l’Ascoli è protagonista intercettando e deviando oltre la traversa il rigore calciato da Sabiri e chiudendo la porta in almeno altre 3 occasioni. Poche responsabilità sui gol di Bajic e soprattutto Sabiri.

Lakicevic 6: non perfetto in marcatura su Bajic in occasione della conclusione che vale l’1-1 ospite, non copre bene la porta lasciando al numero 99 ospite il varco per concludere a rete. Si concede qualche rischio di troppo ma lo fa con personalità sbagliando poco altro.

Cionek 6: prima porta la Reggina in cielo smarcandosi al meglio in area di rigore e insaccando alle spalle di Leali, poi si macchia del fallo di mano su Dionisi che regala all’Ascoli il rigore parato da Nicolas. Qualche sbavatura di troppa macchia la sua prestazione.

Dalle Mura 5: non è una giornata positiva la sua. Pronti via e fallisce il vantaggio sugli sviluppi di un calcio d’angolo poi commette un errore grossolano con un colpo di testa fuori misura che spalanca la porta a Dionisi. Buono che la porta amaranto sia difesa da Nicolas. Diverse le sbavature del giovane difensore scuola Fiorentina. Rimandato. DAll’80 Stavropoulos sv

Di Chiara 6: ennesimo assist della sua stagione, questa volta scodella il pallone per il colpo di testa vincente di Cionek, oltre a tanti altri messi in mezzo senza trovare uguale fortuna.

Bianchi 5: appare un po’ fuori dalla manovra e in debito d’ossigeno. L’aggressività dell’Ascoli in mezzo al campo richiede straordinario che il centrocampista non riesce ad offrire. Dal 56’ Denis 6,5 non delude mai le attese. Entra e dà subito la carica necessaria ai suoi per riprendere la gara. Suo l’invito per Rivas che dal fondo scodellerà poi per Montalto.

Crisetig 5,5: in mezzo al campo c’è tanto da battagliare e il capitano amaranto non si tira indietro, spesso però arriva in ritardo o col fiato corto, sbagliando la misura di molti passaggi. Sabiri lo agira troppo facilmente in occasione del gol dell’1-2. Avrebbe bisogno di rifiatare ma in questa fase non è possibile. Dall’80 Crimi sv

Rivas 7: parte bene, proponendosi con continuità e mostrandosi molto reattivo sulla fascia destra. L’azione che porta al 2-2 di Montalto è da applausi e lui è bravissimo a resistere alla carica di un avversario e, dal fondo, a rimettere in mezzo per Montalto.

Folorunsho 5,5: gli manca la giocata che spacca la partita, l’accelerazione che lascia sul posto gli avversari, non è ancora tornato sui suoi standard ma l’impegno, quello sì, non manca mai. Nei minuti finali è spompato e sbaglia tanto.

Liotti 5,5: buona prova in fase di proposizione ma poi finisce per calare la sua spinta con l’aumento dell’aggressività ospite. Dal 56’ Bellomo 6 entra bene in partita e soprattutto quando si sistema a destra mette in mezzo un gran numero di palloni insidiosi sui quali i compagni non sono cinici a sufficienza.

Montalto 6,5: marcato in maniera asfissiante fatica a trovare la porta. Quando però gli arriva il pallone giusto non se lo fa ripetere due volte e insacca di testa il cross dal fondo di Rivas. Dal 70’ Edera 6 se a Cremona Baroni lo aveva richiamato in panchina non soddisfatto della sua prova, questa volta lo inserisce in corsa per provare a spaccare la partita. L’esterno ex Torino ci prova e ha anche due occasioni per far male all’Ascoli.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News
Advertisement

Altro da Pagelle